Cantieri

06-03-2014

Azimut|Benetti Group Yachtmaster: aggiornamento per comandanti

Tre giorni di lavoro, incontri e workshop interamente dedicati alla gestione di super e mega yacht: è la 14. edizione di “Azimut|Benetti Group Yachtmaster” che si è svolta in Toscana

Il comando delle barche di maggiori dimensioni impone una costante preparazione. Per questo, Azimut|Benetti ha organizzato nei giorni scorsi “Azimut|Benetti Group Yachtmaster”, seminario di aggiornamento che per il Gruppo rappresenta una tradizione annuale. La quattordicesima edizione del corso, che si è tenuto nel verde della tenuta garfagnina del Ciocco (in provincia di Lucca), ha contato più di 150 ospiti (fra i quali 86 tra comandanti di super e mega yacht, esperti, sponsor e stampa) impegnati in una “tre giorni” interamente dedicata alle tematiche di gestione dei grandi yacht.

L’iniziativa ha avuto il main sponsor di MTU (produttore di motori diesel marini) e la partnership di RINA, Naiad Dynamics, Boero, Damco, Home Port Spares, ASEA, Team Italia, Opem Sistemi, Lusben, ISS Gmt, Peninsula Petroleum.

Ai comandanti presenti all’” Azimut|Benetti Group Yachtmaster” è stato dato modo di approfondire, insieme ai responsabili commerciali di Azimut, a Benetti, Yachtique (Divisione del Gruppo dedicata ai servizi) e Lusben, le proprie conoscenze sugli argomenti con i quali sono chiamati a confrontarsi nella propria attività lavorativa quotidiana.

Durante il seminario è stato presentato “Iproject Management”, innovativo sistema dedicato al monitoraggio di anomalie tecniche, che grazie all’impiego di una specifica App che comprende un “construction log”, consente – attraverso device portatili (iPad o iPhone) – l’invio di immagini e commenti relativi al danno o al guasto occorso in un determinato momento, direttamente al project manager.

L’aspetto normativo è stato affrontato con una panoramica sulle più recenti evoluzioni in tema di certificazioni RINA, con uno sguardo dettagliato sull’importanza delle classificazioni e su come prepararsi in concreto ai cambiamenti in atto.

Un ampio spazio è stato poi dato alle attività di formazione e team building, con giochi di ruolo e con il supporto di coach specializzati, che hanno permesso ai comandanti di mettersi alla prova per scoprire le proprie risorse che si può mettere in campo per il miglioramento continuo della gestione dell’equipaggio, con particolare riguardo agli aspetti disciplinari.

Galleria